Fluidr
about   tools   help   Y   Q   a         b   n   l
User / Qi Bo
16,257 items

N 34 B 586 C 2 E May 16, 2022 F May 16, 2022
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

“……………………………………”

“…………………………………..”

-----------------------------------------------------------------

click to activate the icon of slideshow: the small triangle inscribed in the small rectangle, at the top right, in the photostream;
or…. Press the “L” button to zoom in the image;
clicca sulla piccola icona per attivare lo slideshow: sulla facciata principale del photostream, in alto a destra c'è un piccolo rettangolo (rappresenta il monitor) con dentro un piccolo triangolo nero;
oppure…. premi il tasto “L” per ingrandire l'immagine;

Qi Bo's photos on Fluidr


Qi Bo's photos on Flickriver


www.worldphoto.org/sony-world-photography-awards/winners-...


www.fotografidigitali.it/gallery/2726/opere-italiane-segn...

……………………………………………………………………….


Easter in Sicily is a deeply felt recurrence throughout the island since ancient times, it has always had the moving participation of the people as its fulcrum, with representations and processions that have become rites and traditions that unequivocally characterize many Sicilian centers, and which evoke the moments most salient narrated in the Gospels and recalling the Passion, Death and Resurrection of Jesus Christ, with processions formed by the various brotherhoods (sometimes with theatrical re-enactments) which have in themselves contents and symbols often coming from the Spanish domination, which took place in Sicily between the sixteenth and seventeenth centuries. This year 2022 then, the celebrations returned after two years of absolute stop of the Easter rites due to the pandemic from Covid-19, rites which, however, and necessarily, were carried out with due precautions, in many cases we have witnessed a painful but necessary reduction of the rites (in some centers there were no processions). Here I present a photographic story that I made in the Sicilian town of Enna during the afternoon until late in the evening, after I had been in the town of Villarosa during the day (see the previous photographic story); is the story of the Good Friday procession of Enna, a procession which, for its beauty, theatricality and majesty, represents the most engaging moment of the whole Holy Week in Enna, so much so that UNESCO declared this week a good protected. Attending this rite, so exciting, personally every time induces me a feeling almost of disorientation: seeing the devotees with their typical attire, characterizing their congregation to which they belong, induces me very strongly the feeling of not being in Sicily anymore, in Enna ... but to have been teleported to Spain, perhaps to the city of Seville, or taken back in time when Sicily was under Iberian domination ...! The procession begins on the afternoon of Good Friday, we witness the appearance of numerous hooded brothers (the brotherhoods are 16, while in 1740 there were 34), almost all the brothers are covered with faces, except those with uncovered faces that lead in shoulder the heavy float of Our Lady of Sorrows, and the float of the Dead Christ (normally every year the confreres are about two thousand five hundred - three thousand, but this year, perhaps due to the restrictions caused by the covid, a lower number was recorded) . During the procession, we witness the congregation carrying a whole series of symbols that have a reference to the Passion of Christ, such as the nails of his crucifixion, the ladder, the spear that pierced his side, the sponge soaked in wine vinegar , the dice, the crown of thorns, the scourge, and the rooster (beautiful specimen, alive), and others. The procession of Enna is made up of exclusively male brotherhoods, the only female presence that makes an exception is given by the numerous "nuns", they are girls dressed like the Poor Clares or Carmelite nuns who accompany the various brotherhoods during the procession. The rites end late at night.


La Pasqua in Sicilia è una ricorrenza profondamente sentita in tutta l’isola fin dall’antichità, essa ha sempre avuto come fulcro la commossa partecipazione del popolo, con rappresentazioni e processioni divenuti riti e tradizioni che caratterizzano inequivocabilmente numerosissimi centri Siciliani, che rievocano i momenti più salienti narrati nei Vangeli e che ricordano la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con cortei formati dalle varie confraternite (a volte con rievocazioni teatrali) che hanno in se contenuti e simbologie spesso provenienti dalla dominazione Spagnola, avvenuta in Sicilia tra il XVI ed il XVII secolo. Quest’anno 2022 poi, le celebrazioni sono ritornate dopo due anni di assoluto fermo dei riti pasquali a causa della pandemia da Covid-19, riti che comunque, e necessariamente, si sono svolti con le dovute precauzioni, in molti casi si è assistito ad una dolorosa ma necessaria riduzione dei riti (in alcuni centri le processioni non ci sono state). Qui presento un racconto fotografico che ho realizzato nella cittadina siciliana di Enna durante il pomeriggio fino a sera inoltrata, dopo che ero stato durante il giorno nel paese di Villarosa (vedi il racconto fotografico precedente); è il racconto della processione del Venerdì Santo di Enna, processione che, per la sua bellezza, teatralità e maestosità, rappresenta il momento più coinvolgente di tutta la Settimana Santa di Enna, tant'è che l'UNESCO ha dichiarato questa settimana, un bene protetto. Assistere a questo rito, così emozionante, personalmente ogni volta mi induce una sensazione quasi di spaesamento: nel vedere i devoti con i loro tipici abbigliamenti, caratterizzanti la loro congregazione di appartenenza, mi induce fortissima la sensazione di non trovarmi più in Sicilia, ad Enna...ma di essere stato teletrasportato in Spagna, magari nella città di Siviglia, oppure portato a ritroso nel tempo quando la Sicilia era sotto la dominazione Iberica...! La processione ha inizio il pomeriggio del Venerdì Santo, si assiste all'apparire di numerosissimi confrati incappucciati (le confraternite sono 16, mentre nel 1740 erano ben 34), quasi tutti i confrati sono a volto coperto, tranne quelli a volto scoperto che portano in spalla le pesanti vare (i fercoli) della Madonna Addolorata, e quella del Cristo Morto (normalmente ogni anno i confrati sono circa duemilacinquecento - tremila, però quest'anno, forse a causa delle restrizioni causate dal covid, si è registrato un numero inferiore). Si assiste durante la processione, alla congregazione che porta tutta una serie di simboli che hanno un riferimento con la Passione di Cristo, come i chiodi della sua crocifissione, la scala, la lancia che gli trafisse il costato, la spugna imbevuta di aceto di vino, i dadi, la corona di spine, il flagello, ed il gallo (bellissimo esemplare, vivo), ed altri. La processione di Enna è composta da confraternite esclusivamente maschili, l'unica presenza femminile che vi fa eccezione è data dalle numerose “monachelle”, sono delle bambine vestite come le monache clarisse o le monache carmelitane che accompagnano le varie confraternite durante la processione. I riti terminano a notte fonda.
------------------------------------------------------

VENERDI SANTO A ENNA 15/4/2022

SETTIMANA SANTA ENNA VENERDI' 15/4/2022

venerdi santo enna parte1

venerdi santo enna parte2

SETTIMANA SANTA ENNA 2018

hece homo a salita da passione a enna 10 /04 2022

...............................

pasolini vangelo secondo matteo crocifissione

Pier Paolo Paolini, Vangelo di Matteo, scena del sepolcro vuoto

Pasolini -Vangelo secondo Matteo - Farisei

The Gospel According to Matthew (1964) - trailer

The Miracle - The Gospel According to St. Matthew - Pier Paolo Pasolini (1964)

St Matthew gospel - Baptism scene


The Gospel According to St Matthew (1964) - Pasolini

Via Pasolini - Completo (em Italiano
..........................................

Tags:   Ezio Qi Bo Sicilia Sicily Venerdì Santo Enna Good Friday Holy Week processione Holy Procession Sacra Procesione procession Sony Alpha System Sony Camera Sony A7R IV Sony A99 II Minolta lens Sony lens Sony Zeiss lens Tamron lens Sigma lens bianco e nero black and white report Settimana Santa

N 57 B 671 C 5 E May 16, 2022 F May 16, 2022
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • O
  • L
  • M


“……………………………………”

“…………………………………..”

-----------------------------------------------------------------

click to activate the icon of slideshow: the small triangle inscribed in the small rectangle, at the top right, in the photostream;
or…. Press the “L” button to zoom in the image;
clicca sulla piccola icona per attivare lo slideshow: sulla facciata principale del photostream, in alto a destra c'è un piccolo rettangolo (rappresenta il monitor) con dentro un piccolo triangolo nero;
oppure…. premi il tasto “L” per ingrandire l'immagine;

Qi Bo's photos on Fluidr


Qi Bo's photos on Flickriver


www.worldphoto.org/sony-world-photography-awards/winners-...


www.fotografidigitali.it/gallery/2726/opere-italiane-segn...

……………………………………………………………………….


Easter in Sicily is a deeply felt recurrence throughout the island since ancient times, it has always had the moving participation of the people as its fulcrum, with representations and processions that have become rites and traditions that unequivocally characterize many Sicilian centers, and which evoke the moments most salient narrated in the Gospels and recalling the Passion, Death and Resurrection of Jesus Christ, with processions formed by the various brotherhoods (sometimes with theatrical re-enactments) which have in themselves contents and symbols often coming from the Spanish domination, which took place in Sicily between the sixteenth and seventeenth centuries. This year 2022 then, the celebrations returned after two years of absolute stop of the Easter rites due to the pandemic from Covid-19, rites which, however, and necessarily, were carried out with due precautions, in many cases we have witnessed a painful but necessary reduction of the rites (in some centers there were no processions). Here I present a photographic story that I made in the Sicilian town of Enna during the afternoon until late in the evening, after I had been in the town of Villarosa during the day (see the previous photographic story); is the story of the Good Friday procession of Enna, a procession which, for its beauty, theatricality and majesty, represents the most engaging moment of the whole Holy Week in Enna, so much so that UNESCO declared this week a good protected. Attending this rite, so exciting, personally every time induces me a feeling almost of disorientation: seeing the devotees with their typical attire, characterizing their congregation to which they belong, induces me very strongly the feeling of not being in Sicily anymore, in Enna ... but to have been teleported to Spain, perhaps to the city of Seville, or taken back in time when Sicily was under Iberian domination ...! The procession begins on the afternoon of Good Friday, we witness the appearance of numerous hooded brothers (the brotherhoods are 16, while in 1740 there were 34), almost all the brothers are covered with faces, except those with uncovered faces that lead in shoulder the heavy float of Our Lady of Sorrows, and the float of the Dead Christ (normally every year the confreres are about two thousand five hundred - three thousand, but this year, perhaps due to the restrictions caused by the covid, a lower number was recorded) . During the procession, we witness the congregation carrying a whole series of symbols that have a reference to the Passion of Christ, such as the nails of his crucifixion, the ladder, the spear that pierced his side, the sponge soaked in wine vinegar , the dice, the crown of thorns, the scourge, and the rooster (beautiful specimen, alive), and others. The procession of Enna is made up of exclusively male brotherhoods, the only female presence that makes an exception is given by the numerous "nuns", they are girls dressed like the Poor Clares or Carmelite nuns who accompany the various brotherhoods during the procession. The rites end late at night.


La Pasqua in Sicilia è una ricorrenza profondamente sentita in tutta l’isola fin dall’antichità, essa ha sempre avuto come fulcro la commossa partecipazione del popolo, con rappresentazioni e processioni divenuti riti e tradizioni che caratterizzano inequivocabilmente numerosissimi centri Siciliani, che rievocano i momenti più salienti narrati nei Vangeli e che ricordano la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con cortei formati dalle varie confraternite (a volte con rievocazioni teatrali) che hanno in se contenuti e simbologie spesso provenienti dalla dominazione Spagnola, avvenuta in Sicilia tra il XVI ed il XVII secolo. Quest’anno 2022 poi, le celebrazioni sono ritornate dopo due anni di assoluto fermo dei riti pasquali a causa della pandemia da Covid-19, riti che comunque, e necessariamente, si sono svolti con le dovute precauzioni, in molti casi si è assistito ad una dolorosa ma necessaria riduzione dei riti (in alcuni centri le processioni non ci sono state). Qui presento un racconto fotografico che ho realizzato nella cittadina siciliana di Enna durante il pomeriggio fino a sera inoltrata, dopo che ero stato durante il giorno nel paese di Villarosa (vedi il racconto fotografico precedente); è il racconto della processione del Venerdì Santo di Enna, processione che, per la sua bellezza, teatralità e maestosità, rappresenta il momento più coinvolgente di tutta la Settimana Santa di Enna, tant'è che l'UNESCO ha dichiarato questa settimana, un bene protetto. Assistere a questo rito, così emozionante, personalmente ogni volta mi induce una sensazione quasi di spaesamento: nel vedere i devoti con i loro tipici abbigliamenti, caratterizzanti la loro congregazione di appartenenza, mi induce fortissima la sensazione di non trovarmi più in Sicilia, ad Enna...ma di essere stato teletrasportato in Spagna, magari nella città di Siviglia, oppure portato a ritroso nel tempo quando la Sicilia era sotto la dominazione Iberica...! La processione ha inizio il pomeriggio del Venerdì Santo, si assiste all'apparire di numerosissimi confrati incappucciati (le confraternite sono 16, mentre nel 1740 erano ben 34), quasi tutti i confrati sono a volto coperto, tranne quelli a volto scoperto che portano in spalla le pesanti vare (i fercoli) della Madonna Addolorata, e quella del Cristo Morto (normalmente ogni anno i confrati sono circa duemilacinquecento - tremila, però quest'anno, forse a causa delle restrizioni causate dal covid, si è registrato un numero inferiore). Si assiste durante la processione, alla congregazione che porta tutta una serie di simboli che hanno un riferimento con la Passione di Cristo, come i chiodi della sua crocifissione, la scala, la lancia che gli trafisse il costato, la spugna imbevuta di aceto di vino, i dadi, la corona di spine, il flagello, ed il gallo (bellissimo esemplare, vivo), ed altri. La processione di Enna è composta da confraternite esclusivamente maschili, l'unica presenza femminile che vi fa eccezione è data dalle numerose “monachelle”, sono delle bambine vestite come le monache clarisse o le monache carmelitane che accompagnano le varie confraternite durante la processione. I riti terminano a notte fonda.

N 44 B 716 C 2 E May 16, 2022 F May 16, 2022
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • O
  • L
  • M


“……………………………………”

“…………………………………..”

-----------------------------------------------------------------

click to activate the icon of slideshow: the small triangle inscribed in the small rectangle, at the top right, in the photostream;
or…. Press the “L” button to zoom in the image;
clicca sulla piccola icona per attivare lo slideshow: sulla facciata principale del photostream, in alto a destra c'è un piccolo rettangolo (rappresenta il monitor) con dentro un piccolo triangolo nero;
oppure…. premi il tasto “L” per ingrandire l'immagine;

Qi Bo's photos on Fluidr


Qi Bo's photos on Flickriver


www.worldphoto.org/sony-world-photography-awards/winners-...


www.fotografidigitali.it/gallery/2726/opere-italiane-segn...

……………………………………………………………………….


Easter in Sicily is a deeply felt recurrence throughout the island since ancient times, it has always had the moving participation of the people as its fulcrum, with representations and processions that have become rites and traditions that unequivocally characterize many Sicilian centers, and which evoke the moments most salient narrated in the Gospels and recalling the Passion, Death and Resurrection of Jesus Christ, with processions formed by the various brotherhoods (sometimes with theatrical re-enactments) which have in themselves contents and symbols often coming from the Spanish domination, which took place in Sicily between the sixteenth and seventeenth centuries. This year 2022 then, the celebrations returned after two years of absolute stop of the Easter rites due to the pandemic from Covid-19, rites which, however, and necessarily, were carried out with due precautions, in many cases we have witnessed a painful but necessary reduction of the rites (in some centers there were no processions). Here I present a photographic story that I made in the Sicilian town of Enna during the afternoon until late in the evening, after I had been in the town of Villarosa during the day (see the previous photographic story); is the story of the Good Friday procession of Enna, a procession which, for its beauty, theatricality and majesty, represents the most engaging moment of the whole Holy Week in Enna, so much so that UNESCO declared this week a good protected. Attending this rite, so exciting, personally every time induces me a feeling almost of disorientation: seeing the devotees with their typical attire, characterizing their congregation to which they belong, induces me very strongly the feeling of not being in Sicily anymore, in Enna ... but to have been teleported to Spain, perhaps to the city of Seville, or taken back in time when Sicily was under Iberian domination ...! The procession begins on the afternoon of Good Friday, we witness the appearance of numerous hooded brothers (the brotherhoods are 16, while in 1740 there were 34), almost all the brothers are covered with faces, except those with uncovered faces that lead in shoulder the heavy float of Our Lady of Sorrows, and the float of the Dead Christ (normally every year the confreres are about two thousand five hundred - three thousand, but this year, perhaps due to the restrictions caused by the covid, a lower number was recorded) . During the procession, we witness the congregation carrying a whole series of symbols that have a reference to the Passion of Christ, such as the nails of his crucifixion, the ladder, the spear that pierced his side, the sponge soaked in wine vinegar , the dice, the crown of thorns, the scourge, and the rooster (beautiful specimen, alive), and others. The procession of Enna is made up of exclusively male brotherhoods, the only female presence that makes an exception is given by the numerous "nuns", they are girls dressed like the Poor Clares or Carmelite nuns who accompany the various brotherhoods during the procession. The rites end late at night.


La Pasqua in Sicilia è una ricorrenza profondamente sentita in tutta l’isola fin dall’antichità, essa ha sempre avuto come fulcro la commossa partecipazione del popolo, con rappresentazioni e processioni divenuti riti e tradizioni che caratterizzano inequivocabilmente numerosissimi centri Siciliani, che rievocano i momenti più salienti narrati nei Vangeli e che ricordano la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con cortei formati dalle varie confraternite (a volte con rievocazioni teatrali) che hanno in se contenuti e simbologie spesso provenienti dalla dominazione Spagnola, avvenuta in Sicilia tra il XVI ed il XVII secolo. Quest’anno 2022 poi, le celebrazioni sono ritornate dopo due anni di assoluto fermo dei riti pasquali a causa della pandemia da Covid-19, riti che comunque, e necessariamente, si sono svolti con le dovute precauzioni, in molti casi si è assistito ad una dolorosa ma necessaria riduzione dei riti (in alcuni centri le processioni non ci sono state). Qui presento un racconto fotografico che ho realizzato nella cittadina siciliana di Enna durante il pomeriggio fino a sera inoltrata, dopo che ero stato durante il giorno nel paese di Villarosa (vedi il racconto fotografico precedente); è il racconto della processione del Venerdì Santo di Enna, processione che, per la sua bellezza, teatralità e maestosità, rappresenta il momento più coinvolgente di tutta la Settimana Santa di Enna, tant'è che l'UNESCO ha dichiarato questa settimana, un bene protetto. Assistere a questo rito, così emozionante, personalmente ogni volta mi induce una sensazione quasi di spaesamento: nel vedere i devoti con i loro tipici abbigliamenti, caratterizzanti la loro congregazione di appartenenza, mi induce fortissima la sensazione di non trovarmi più in Sicilia, ad Enna...ma di essere stato teletrasportato in Spagna, magari nella città di Siviglia, oppure portato a ritroso nel tempo quando la Sicilia era sotto la dominazione Iberica...! La processione ha inizio il pomeriggio del Venerdì Santo, si assiste all'apparire di numerosissimi confrati incappucciati (le confraternite sono 16, mentre nel 1740 erano ben 34), quasi tutti i confrati sono a volto coperto, tranne quelli a volto scoperto che portano in spalla le pesanti vare (i fercoli) della Madonna Addolorata, e quella del Cristo Morto (normalmente ogni anno i confrati sono circa duemilacinquecento - tremila, però quest'anno, forse a causa delle restrizioni causate dal covid, si è registrato un numero inferiore). Si assiste durante la processione, alla congregazione che porta tutta una serie di simboli che hanno un riferimento con la Passione di Cristo, come i chiodi della sua crocifissione, la scala, la lancia che gli trafisse il costato, la spugna imbevuta di aceto di vino, i dadi, la corona di spine, il flagello, ed il gallo (bellissimo esemplare, vivo), ed altri. La processione di Enna è composta da confraternite esclusivamente maschili, l'unica presenza femminile che vi fa eccezione è data dalle numerose “monachelle”, sono delle bambine vestite come le monache clarisse o le monache carmelitane che accompagnano le varie confraternite durante la processione. I riti terminano a notte fonda.

N 14 B 551 C 0 E May 16, 2022 F May 16, 2022
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • O
  • L
  • M


“……………………………………”

“…………………………………..”

-----------------------------------------------------------------

click to activate the icon of slideshow: the small triangle inscribed in the small rectangle, at the top right, in the photostream;
or…. Press the “L” button to zoom in the image;
clicca sulla piccola icona per attivare lo slideshow: sulla facciata principale del photostream, in alto a destra c'è un piccolo rettangolo (rappresenta il monitor) con dentro un piccolo triangolo nero;
oppure…. premi il tasto “L” per ingrandire l'immagine;

Qi Bo's photos on Fluidr


Qi Bo's photos on Flickriver


www.worldphoto.org/sony-world-photography-awards/winners-...


www.fotografidigitali.it/gallery/2726/opere-italiane-segn...

……………………………………………………………………….


Easter in Sicily is a deeply felt recurrence throughout the island since ancient times, it has always had the moving participation of the people as its fulcrum, with representations and processions that have become rites and traditions that unequivocally characterize many Sicilian centers, and which evoke the moments most salient narrated in the Gospels and recalling the Passion, Death and Resurrection of Jesus Christ, with processions formed by the various brotherhoods (sometimes with theatrical re-enactments) which have in themselves contents and symbols often coming from the Spanish domination, which took place in Sicily between the sixteenth and seventeenth centuries. This year 2022 then, the celebrations returned after two years of absolute stop of the Easter rites due to the pandemic from Covid-19, rites which, however, and necessarily, were carried out with due precautions, in many cases we have witnessed a painful but necessary reduction of the rites (in some centers there were no processions). Here I present a photographic story that I made in the Sicilian town of Enna during the afternoon until late in the evening, after I had been in the town of Villarosa during the day (see the previous photographic story); is the story of the Good Friday procession of Enna, a procession which, for its beauty, theatricality and majesty, represents the most engaging moment of the whole Holy Week in Enna, so much so that UNESCO declared this week a good protected. Attending this rite, so exciting, personally every time induces me a feeling almost of disorientation: seeing the devotees with their typical attire, characterizing their congregation to which they belong, induces me very strongly the feeling of not being in Sicily anymore, in Enna ... but to have been teleported to Spain, perhaps to the city of Seville, or taken back in time when Sicily was under Iberian domination ...! The procession begins on the afternoon of Good Friday, we witness the appearance of numerous hooded brothers (the brotherhoods are 16, while in 1740 there were 34), almost all the brothers are covered with faces, except those with uncovered faces that lead in shoulder the heavy float of Our Lady of Sorrows, and the float of the Dead Christ (normally every year the confreres are about two thousand five hundred - three thousand, but this year, perhaps due to the restrictions caused by the covid, a lower number was recorded) . During the procession, we witness the congregation carrying a whole series of symbols that have a reference to the Passion of Christ, such as the nails of his crucifixion, the ladder, the spear that pierced his side, the sponge soaked in wine vinegar , the dice, the crown of thorns, the scourge, and the rooster (beautiful specimen, alive), and others. The procession of Enna is made up of exclusively male brotherhoods, the only female presence that makes an exception is given by the numerous "nuns", they are girls dressed like the Poor Clares or Carmelite nuns who accompany the various brotherhoods during the procession. The rites end late at night.


La Pasqua in Sicilia è una ricorrenza profondamente sentita in tutta l’isola fin dall’antichità, essa ha sempre avuto come fulcro la commossa partecipazione del popolo, con rappresentazioni e processioni divenuti riti e tradizioni che caratterizzano inequivocabilmente numerosissimi centri Siciliani, che rievocano i momenti più salienti narrati nei Vangeli e che ricordano la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con cortei formati dalle varie confraternite (a volte con rievocazioni teatrali) che hanno in se contenuti e simbologie spesso provenienti dalla dominazione Spagnola, avvenuta in Sicilia tra il XVI ed il XVII secolo. Quest’anno 2022 poi, le celebrazioni sono ritornate dopo due anni di assoluto fermo dei riti pasquali a causa della pandemia da Covid-19, riti che comunque, e necessariamente, si sono svolti con le dovute precauzioni, in molti casi si è assistito ad una dolorosa ma necessaria riduzione dei riti (in alcuni centri le processioni non ci sono state). Qui presento un racconto fotografico che ho realizzato nella cittadina siciliana di Enna durante il pomeriggio fino a sera inoltrata, dopo che ero stato durante il giorno nel paese di Villarosa (vedi il racconto fotografico precedente); è il racconto della processione del Venerdì Santo di Enna, processione che, per la sua bellezza, teatralità e maestosità, rappresenta il momento più coinvolgente di tutta la Settimana Santa di Enna, tant'è che l'UNESCO ha dichiarato questa settimana, un bene protetto. Assistere a questo rito, così emozionante, personalmente ogni volta mi induce una sensazione quasi di spaesamento: nel vedere i devoti con i loro tipici abbigliamenti, caratterizzanti la loro congregazione di appartenenza, mi induce fortissima la sensazione di non trovarmi più in Sicilia, ad Enna...ma di essere stato teletrasportato in Spagna, magari nella città di Siviglia, oppure portato a ritroso nel tempo quando la Sicilia era sotto la dominazione Iberica...! La processione ha inizio il pomeriggio del Venerdì Santo, si assiste all'apparire di numerosissimi confrati incappucciati (le confraternite sono 16, mentre nel 1740 erano ben 34), quasi tutti i confrati sono a volto coperto, tranne quelli a volto scoperto che portano in spalla le pesanti vare (i fercoli) della Madonna Addolorata, e quella del Cristo Morto (normalmente ogni anno i confrati sono circa duemilacinquecento - tremila, però quest'anno, forse a causa delle restrizioni causate dal covid, si è registrato un numero inferiore). Si assiste durante la processione, alla congregazione che porta tutta una serie di simboli che hanno un riferimento con la Passione di Cristo, come i chiodi della sua crocifissione, la scala, la lancia che gli trafisse il costato, la spugna imbevuta di aceto di vino, i dadi, la corona di spine, il flagello, ed il gallo (bellissimo esemplare, vivo), ed altri. La processione di Enna è composta da confraternite esclusivamente maschili, l'unica presenza femminile che vi fa eccezione è data dalle numerose “monachelle”, sono delle bambine vestite come le monache clarisse o le monache carmelitane che accompagnano le varie confraternite durante la processione. I riti terminano a notte fonda.

N 12 B 272 C 0 E May 16, 2022 F May 16, 2022
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • O
  • L
  • M


“……………………………………”

“…………………………………..”

-----------------------------------------------------------------

click to activate the icon of slideshow: the small triangle inscribed in the small rectangle, at the top right, in the photostream;
or…. Press the “L” button to zoom in the image;
clicca sulla piccola icona per attivare lo slideshow: sulla facciata principale del photostream, in alto a destra c'è un piccolo rettangolo (rappresenta il monitor) con dentro un piccolo triangolo nero;
oppure…. premi il tasto “L” per ingrandire l'immagine;

Qi Bo's photos on Fluidr


Qi Bo's photos on Flickriver


www.worldphoto.org/sony-world-photography-awards/winners-...


www.fotografidigitali.it/gallery/2726/opere-italiane-segn...

……………………………………………………………………….


Easter in Sicily is a deeply felt recurrence throughout the island since ancient times, it has always had the moving participation of the people as its fulcrum, with representations and processions that have become rites and traditions that unequivocally characterize many Sicilian centers, and which evoke the moments most salient narrated in the Gospels and recalling the Passion, Death and Resurrection of Jesus Christ, with processions formed by the various brotherhoods (sometimes with theatrical re-enactments) which have in themselves contents and symbols often coming from the Spanish domination, which took place in Sicily between the sixteenth and seventeenth centuries. This year 2022 then, the celebrations returned after two years of absolute stop of the Easter rites due to the pandemic from Covid-19, rites which, however, and necessarily, were carried out with due precautions, in many cases we have witnessed a painful but necessary reduction of the rites (in some centers there were no processions). Here I present a photographic story that I made in the Sicilian town of Enna during the afternoon until late in the evening, after I had been in the town of Villarosa during the day (see the previous photographic story); is the story of the Good Friday procession of Enna, a procession which, for its beauty, theatricality and majesty, represents the most engaging moment of the whole Holy Week in Enna, so much so that UNESCO declared this week a good protected. Attending this rite, so exciting, personally every time induces me a feeling almost of disorientation: seeing the devotees with their typical attire, characterizing their congregation to which they belong, induces me very strongly the feeling of not being in Sicily anymore, in Enna ... but to have been teleported to Spain, perhaps to the city of Seville, or taken back in time when Sicily was under Iberian domination ...! The procession begins on the afternoon of Good Friday, we witness the appearance of numerous hooded brothers (the brotherhoods are 16, while in 1740 there were 34), almost all the brothers are covered with faces, except those with uncovered faces that lead in shoulder the heavy float of Our Lady of Sorrows, and the float of the Dead Christ (normally every year the confreres are about two thousand five hundred - three thousand, but this year, perhaps due to the restrictions caused by the covid, a lower number was recorded) . During the procession, we witness the congregation carrying a whole series of symbols that have a reference to the Passion of Christ, such as the nails of his crucifixion, the ladder, the spear that pierced his side, the sponge soaked in wine vinegar , the dice, the crown of thorns, the scourge, and the rooster (beautiful specimen, alive), and others. The procession of Enna is made up of exclusively male brotherhoods, the only female presence that makes an exception is given by the numerous "nuns", they are girls dressed like the Poor Clares or Carmelite nuns who accompany the various brotherhoods during the procession. The rites end late at night.


La Pasqua in Sicilia è una ricorrenza profondamente sentita in tutta l’isola fin dall’antichità, essa ha sempre avuto come fulcro la commossa partecipazione del popolo, con rappresentazioni e processioni divenuti riti e tradizioni che caratterizzano inequivocabilmente numerosissimi centri Siciliani, che rievocano i momenti più salienti narrati nei Vangeli e che ricordano la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con cortei formati dalle varie confraternite (a volte con rievocazioni teatrali) che hanno in se contenuti e simbologie spesso provenienti dalla dominazione Spagnola, avvenuta in Sicilia tra il XVI ed il XVII secolo. Quest’anno 2022 poi, le celebrazioni sono ritornate dopo due anni di assoluto fermo dei riti pasquali a causa della pandemia da Covid-19, riti che comunque, e necessariamente, si sono svolti con le dovute precauzioni, in molti casi si è assistito ad una dolorosa ma necessaria riduzione dei riti (in alcuni centri le processioni non ci sono state). Qui presento un racconto fotografico che ho realizzato nella cittadina siciliana di Enna durante il pomeriggio fino a sera inoltrata, dopo che ero stato durante il giorno nel paese di Villarosa (vedi il racconto fotografico precedente); è il racconto della processione del Venerdì Santo di Enna, processione che, per la sua bellezza, teatralità e maestosità, rappresenta il momento più coinvolgente di tutta la Settimana Santa di Enna, tant'è che l'UNESCO ha dichiarato questa settimana, un bene protetto. Assistere a questo rito, così emozionante, personalmente ogni volta mi induce una sensazione quasi di spaesamento: nel vedere i devoti con i loro tipici abbigliamenti, caratterizzanti la loro congregazione di appartenenza, mi induce fortissima la sensazione di non trovarmi più in Sicilia, ad Enna...ma di essere stato teletrasportato in Spagna, magari nella città di Siviglia, oppure portato a ritroso nel tempo quando la Sicilia era sotto la dominazione Iberica...! La processione ha inizio il pomeriggio del Venerdì Santo, si assiste all'apparire di numerosissimi confrati incappucciati (le confraternite sono 16, mentre nel 1740 erano ben 34), quasi tutti i confrati sono a volto coperto, tranne quelli a volto scoperto che portano in spalla le pesanti vare (i fercoli) della Madonna Addolorata, e quella del Cristo Morto (normalmente ogni anno i confrati sono circa duemilacinquecento - tremila, però quest'anno, forse a causa delle restrizioni causate dal covid, si è registrato un numero inferiore). Si assiste durante la processione, alla congregazione che porta tutta una serie di simboli che hanno un riferimento con la Passione di Cristo, come i chiodi della sua crocifissione, la scala, la lancia che gli trafisse il costato, la spugna imbevuta di aceto di vino, i dadi, la corona di spine, il flagello, ed il gallo (bellissimo esemplare, vivo), ed altri. La processione di Enna è composta da confraternite esclusivamente maschili, l'unica presenza femminile che vi fa eccezione è data dalle numerose “monachelle”, sono delle bambine vestite come le monache clarisse o le monache carmelitane che accompagnano le varie confraternite durante la processione. I riti terminano a notte fonda.


5 of 16,257