Fluidr
about   tools   help   Y   Q   a         b   n   l
User / terziluciano
Luciano Terzi / 850 items

N 39 B 492 C 38 E Dec 6, 2019 F Dec 7, 2019
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

Le mie sono fotografie che potrebbero fare tutti. Io sono un uomo qualunque che va in giro e fissa il riflesso dello spettacolo della strada.
(Willy Ronis)

Mine are photographs that everyone could do. I am an ordinary man who goes around and stares at the reflection of the street show.
(Willy Ronis)

Tags:   Sile Riflessi Canon6DMarkII TAMRON SP 24-70mm F/2.8 Di VC USD G2 A032 Fiume reflexes Iesolo Veneto Italia

  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

Il territorio di Miane si trova nella zona settentrionale della provincia, presso il confine con Belluno. Il territorio è dunque caratterizzato dalla presenza di rilievi di varia entità, dalle modeste moreniche dell'area centromeridionale alle prealpi Bellunesi della zona settentrionale, che qui culminano con i 1.438 m s.l.m. del monte Cimon. Ai rilievi si alternano però valli e pianori sui quali sono sorti i principali centri abitati.

Tags:   Madonna del carmine Miane Prealpi Cesen Canon6DMarkII Panorama

  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

Panorama di Falzè di Piave visto da Montello zona Santa Croce

La Calzàttera
Falzè rappresentava una tappa cruciale lungo il percorso degli zattieri che trasportavano lungo il Piave il legname proveniente dal Cadore (ma anche altre merci e persone). Proprio all'altezza della borgata i barcaioli bellunesi consegnavano i propri carichi ai "colleghi" di Nervesa, i quali continuavano il tragitto sino a Ponte di Piave e di lì a Venezia; i primi, invece, tornavano nelle terre di origine attraverso la strada detta Calzàttera, la quale giungeva in Valbelluna attraverso il passo San Boldo (ne restano alcuni tratti andando verso Soligo)

La mia Terra

Tags:   Quartier del Piave Piave Falzè Zattieri Panorama Canon6DMarkII La Calzàttera

  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

La zucca spinosa, o zucchina amaericana, è una pianta annua importata dal Nord America circa due secoli fa come specie ornamentale, che da alcuni anni si è naturalizzata prima lungo il corso del Po e poi in altre aree e che oggi è in rapida espansione in molte regioni dell'Italia settentrionale e peninsulare. Nel territorio euganeo è molto rara e diffusa nelle aree pianeggianti settentrionali e orientali, lungo fossi e canali. Cresce lungo gli argini dei fiumi e nei greti dei torrenti, dal livello del mare sin oltre i 600 m, asumendo spesso carattere invasivo. Il nome generico deriva dal greco 'sikyos' (cetriolo, cucurbitacea) a sua volta forse derivante dalla città di Sikyon; il nome specifico si riferisce alle foglie con lobi nettamente angolosi. Forma biologica: terofita scaposa. Periodo di fioritura: luglio-settembre.

Tags:   Sicyos angulatus Canon6DMarkII Zucca spinosa Zucca americana Oneseed Cucumber Terofita scaposa

N 48 B 3.2K C 116 E Jan 29, 2019 F Nov 28, 2019
  • DESCRIPTION
  • COMMENT
  • MAP
  • O
  • L
  • M

Il Comune di Farra è situato in Alpago, sulle sponde del Lago di Santa Croce e ai piedi dell'Altopiano del Cansiglio: una posizione ideale per una vacanza all'insegna di sport e natura.

La maggiore attrazione di Farra d'Alpago è costituita dal Lago di Santa Croce, che oltre ad offrire una spiaggia molto apprezzata dagli amanti della tintarella è un vero paradiso per gli appassionati di vela, kitesurf e windsurf grazie alla brezza che soffia ogni giorno da Sella Fadalto e al divieto di navigazione a motore.

I dintorni di Farra sono meta di piacevoli escursioni e camminate. Il comune ha anche aderito al progetto della Regione Veneto Top Walk, contribuendo alla rete di itinerari di nordic walking suggeriti con un percorso nei pressi del lago, ad alto valore paesaggistico.
Il Lago di Santa Croce è straordinario anche dal punto di vista naturale: la ricca avifauna lo rende ideale per praticare il birdwatching e sulle sue sponde, nella frazione di Santa Croce, è stato istituito il Centro sperimentale ittiogenico, volto a tutelare il biotopo lacustre, fornire informazioni sulla flora e la fauna e promuoverne il patrimonio ittico, dotato di specie in via di estinzione.

Poco lontano da Farra d'Alpago si trova l'Altopiano del Cansiglio, la cui foresta è stata per secoli un'importantissima risorsa di legname per la Serenissima. Questo altopiano ricco di storia ospita la minoranza etnica dei Cimbri, cui è dedicato un museo, ed è interessante anche dal punto di vista naturalistico: per la fauna molto ricca e per numerose cavità carsiche, per la maggior parte ancora inesplorate.
D'inverno l'altopiano offre numerose possibilità di escursioni sci alpinistiche.

Tags:   Farra d'Alpago Alpago Canon6DMarkII


0.6%